Giuliano Cavallo e Scilla Tonetti vincono il Licony Trecento trailers per la prova del Tour Trail

Il
valdostano Giuliano Cavallo e la lombarda Emanuela Scilla Tonetti hanno vinto
il Licony Trail (penultima tappa del Tour Trail Valle d’Aosta) disputato per
tre ore abbondanti con le luci frontali accese. Settanta chilometri sui
sentieri di Morgex e La Salle, una prima parte di gara con aria pungente, una
seconda parte di giornata di grande caldo. Condizioni che nel complesso hanno
premiato il coraggio degli organizzatori, decisi a mantenere il programma
previsto nonostante giornate sempre più corte. Al via delle tre prove, 300
trailers.

Cavallo
nella prima parte di gara ha lottato a lungo con Ioan Maxim. I due leader sono
transitati a Morgex (metà gara) appaiati e con passo davvero sostenuto. Il
valdostano del team Salomon ha poi accelerato, proseguendo tutto solo. Sul
finale il colpo di scena: nella discesa verso il traguardo Cavallo non ha preso
rischi, Maxim si è tuffato a tutta, recuperando quasi tutto il distacco. Sulla
linea d’arrivo l’ha spuntata il valdostano che ha vinto dopo 9 ore 02’00” di
gara, davanti a Ioan Maxim (9 ore 02’17”) e Nadir Vuillermoz (9 ore 10’48”).

La
gara femminile è stata vinta dalla lombarda Scilla Tonetti che ha così bissato
il successo dello scorso anno, ma con un tempo più alto. Ha vinto in 11 ore
45’12”, dopo una gara corsa quasi sempre in prima posizione. Seconda Francesca
Monica D’Urso, leader nei primi chilometri, all’arrivo in 13 ore 05’07”. Terzo
posto pari merito per Federica Fazari e Nilda Blanc in 13 ore 52’45”.

La
25 chilometri maschile è andata a Federico Mattia De Guio che ai meno tre
chilometri dall’arrivo ha superato François Cazzanelli, scollinato con quattro
minuti di vantaggio. De Guio ha vinto in 2 ore 21’16”, davanti a Cazzanelli (2
ore 22’28”) e al genovese Filippo Tirone (2 ore 23’25”).

Gloriana
Pellissier ha tagliato il traguardo in trionfo, mano nella mano con il marito
Massimo Junod. L’alpina si è aggiudicata la 25 chilometri femminile in 2 ore
45’41”, a precedere Laura Barale (2 ore 49’08”) e Marcella Pont (3 ore 01’04”).

Per
la prima volta è stata inserita anche una gara a staffetta. Due frazioni da 35
chilometri sul percorso della 70, con cambio in centro a Morgex. Ha vinto il
team Guidetti, formato da Xavier ed Emile Guidetti, giunti al traguardo in 9
ore 04’25”, pochi minuti dopo l’arrivo di Cavallo. Karine Monsagrati e Loris
Vuillen sono i migliori della staffetta mista: quinti assoluti in 11 ore 12’27”;
le prime donne sono invece Claudia Titolo e Luana Bellagamba, seste assolute in
11 ore 27’29”.

LE
DICHIARAZIONI

Giuliano
Cavallo: «Sono contento, qui a Morgex ho vinto in più di una occasione. In
discesa non sono andato a tutta velocità, ho controllato un po’, grande gara
del mio rivale Ioan, è andato davvero forte».

Emanuela
Scilla Tonetti: «È andata bene, anche se quest’anno ho trovato il percorso più
duro, la salita verso il lago d’Arpy è tosta, ma forse è anche la mia
condizione che non è al top. Licony a giugno? Io promuovo l’edizione a
ottobre».

Federico
Mattia De Guio: «Stavo bene, in discesa ho tirato a tutta e sono riuscito a
superare Cazzanelli negli ultimi chilometri. Soddisfatto di questa vittoria».

Gloriana
Pellissier: «Ci tenevo a fare la gara con mio marito (Massimo Junod, ndr): mi
ha fatto da lepre. È sempre bello correre sui sentieri della Valdigne e del
Licony Trail, per noi sci alpinisti queste gare servono per fare allenamenti
lunghi».